Sciroppo d’acero: il dolcificante naturale da riscoprire

Oggi parliamo dello sciroppo d’acero, un liquido dolciastro ottenuto dalla linfa della pianta omonima, l’Acer saccharum.

Questo dolcificante è molto diffuso negli Stati Uniti e Canada soprattutto per le famose colazioni con i pancakes.


Lo sciroppo d'acero, o più precisamente la linfa dell’acero è stato usato per molti secoli nella medicina. È una delle forme più antiche di dolcificante che ci sia e gli usi medicinali antichi includevano combinarlo con altre erbe (bacche di ginepro, sambuco e zenzero), tè, succo di limone e/o aceto di sidro di mele per migliorare la sensibilità all'insulina, aiutare a combattere i disturbi metabolici come il diabete, migliorare la digestione e aumentare l'immunità contro raffreddori e problemi respiratori.


Entrando nello specifico sulla sua lavorazione, lo sciroppo d'acero è ottenuto dalla linfa estratta dall'acero attraverso un processo completamente naturale.

La raccolta inizia tra la fine dell'inverno e l'inizio della primavera, quando la temperatura oscilla tra la notte e il giorno su 0°C. Questa dura di solito un mese e viene effettuata attraverso un sistema di condutture che trasportano la linfa estratta dagli alberi in una grande cisterna. Infine la linfa viene "bollita" in un evaporatore fino a ottenere una concentrazione zuccherina del 67%. Per produrre 1 litro di sciroppo, è richiesta una media di 40 litri di linfa.


Ma quali sono i benefici da attribuire a questo liquido denso di colore ambrato?


Ciò che distingue lo sciroppo d’acero al classico zucchero da tavolo sono i suoi minerali e antiossidanti. lo sciroppo d'acero contiene 54 composti benefici, rendendolo una ottima alternativa al classico zucchero da tavola.


Lo sciroppo d'acero è una fonte inaspettata di minerali essenziali, tra cui calcio, zinco, magnesio, ferro e potassio.

Due cucchiai di acero forniscono la metà dell'assunzione giornaliera raccomandata di manganese, che è importante per la salute delle ossa, il sistema immunitario e per una buona funzione cerebrale e nervosa.

Ma non finisce qui perché è anche ricco di acido malico responsabile del suo caratteristico sapore leggermente acidulo, di vitamine A-H-B1-B2-B5-B6-B9 e composti volatili come la vanillina.


Lo sciroppo d’aceto ha una molecola unica nel suo genere, il quebecolo, che prende il nome dal Quebec, il più grande produttore mondiale di sciroppo d'acero.

Secondo la ricerca, questa molecola che si forma da un polifenolo durabte specifiche reazioni chimici (non è presente nella pianta d’acero se non al momento in cui il tronco viene inciso per cominciare la produzione come reazione di difesa dell’albero) ha potenti proprietà anti infiammatorie, ipotizzando che in futuro le malattie infiammatorie come l’artrite, potrebbero essere trattata con questa molecola.


Ricordo che una alimentazione ricca di polifenoli, presenti anche in altri frutti, tè verde, vino rosso, cioccolato fondente ecc., aiuta a ridurre l'infiammazione e sostenere un sistema immunitario efficiente.


Continuando lo sciroppo d'acero più aiutare anche il nostro sistema gastrointestinale. Oltre ad avere un rapporto migliore di zuccheri per chi soffre di IBS, esso contiene anche inulina, una fibra prebiotica che funge da alimento per i nostri batteri intestinali buoni che se in equilibrio oltre a mantenere un Microbiota sano, aiutano il nostro sistema immunitario a rimanere in forma. Questa fibra è un ottimo aiuta anche in caso di gastrite visto che favorisce la capacità di digestione.


Infine lo sciroppo d’acero dal colore più scuro ha dimostrato di avere una maggiore attività antiossidante, che aiuta a proteggere dalle malattie come sindrome metabolica e il cancro.


Ma come scegliere un buon sciroppo d’aceto?


In primis controllate attentamente l'etichetta per assicurarsi che lo sciroppo d'acero si puro e non con altri riempitivi come lo zucchero raffinato o lo sciroppo di mais ad alto fruttosio.


Consiglio di acquistare sciroppo d'acero biologico perché fino a prova contraria, dovrebbe garantivi che gli alberi non sono stati trattati con sostanze chimiche.


Per quanto riguarda i gradi di sciroppo d'acero, tutti i tipi di sciroppo d'acero puro sono classificati come "grado A" o "grado B". Sia gli sciroppi d'acero di grado A che di grado B possono essere buone scelte, purché siano puri e senza conservanti, coloranti artificiali e aromi. La più grande differenza tra i gradi di questo sciroppo è che lo sciroppo d'acero di grado B è di colore più scuro e più concentrato e alcune ricerche hanno dimostrato che lo sciroppo di grado B tende ad essere più ricco di antiossidanti di quello di grado A.

La maggior parte dello sciroppo d'acero acquistato nei negozi è di grado A, il tipo più leggero utilizzato per addolcire i pancake. Esistono anche diversi tipi di sciroppi di grado A, che variano di colore dalla luce all'ambra scura. Più scuro è lo sciroppo, più tardi è stato raccolto nell'anno, più forte è il sapore e soprattutto mantiene più sostanze nutritive.


Ovviante, anche se lo ritengo una delle scelte migliori ha confronto di tutto gli edulcoranti artificiali, teniamo sempre presente che, poiché il cosino di troppo zucchero da qualsiasi fonte è una delle cause principali di molti dei problemi di salute più diffusi ad oggi, anche i dolcificanti naturali dovrebbero essere usati nelle giuste quantità e soprattutto a seconda dello stile di vita, quindi attenzione alle quantità.

In conclusione lo ritengo una valida scelta in alternativa ai classici e moderni dolcificanti. I benefici per la salute dall'acero sono numerosi includendo un buon apporto di antiossidanti vitamine e minarli, possedere un punteggio glicemico inferiore rispetto allo zucchero (attenzione sempre alle quantità), proteggerci dalle infezioni migliorando il nostro sistema immunitario, combattere l'infiammazione e varie malattie del nuovo millennio, rinforzare il nostro sistema gastrointestinale e proteggere la salute della pelle.


Ma è meglio lo sciroppo d’acero o il miele ? Lo vedremo successivamente in un prossimo articolo.